Come risparmiare sulla bolletta energetica con il cloud

L’Italia sta vivendo in questi mesi una grave crisi energetica. Ma c’è qualcosa che possiamo fare per ridurre il consumo di energia elettrica e fronteggiare l’impennata dell’aumento dei prezzi? Da 3CX, fornitore mondiale di centralini telefonici in cloud, ecco alcune buone e semplici abitudini che possono aiutarvi:

  1. Gestione dei dispositivi elettronici
  2. Ricorso allo smart working
  3. Migrazione al Cloud

Gestione intelligente dei dispositivi elettronici

Per una gestione intelligente dei dispositivi elettronici, è bene adottare questi comportamenti in azienda:

  • Accendere gli apparecchi come pc, stampanti, scanner, fotocopiatrici solo quando è necessario e spegnerli dopo l’utilizzo o a fine giornata lavorativa.
  • Impostate la modalità di risparmio energetico (stand-by) dei dispositivi elettronici per i periodi di inattività.
  • Adottate multiprese intelligenti, che si spengono automaticamente grazie a un timer interno. In questo modo, con un solo click disattiverete più elementi. Questi strumenti sono utili in ufficio ma anche nelle sale comuni dove sono presenti forno a microonde, frigo o macchinette per il caffè.

Smart working come scelta sostenibile

Sempre più imprese scelgono lo smart working, il telelavoro o il lavoro ibrido, decisamente più sostenibili del lavoro in ufficio. Tra i tanti vantaggi c’è anche un notevole risparmio dei costi.

L’aumento esponenziale del prezzo della benzina è un altro fattore che invita a adottare strategie di mobilità sostenibile e integrata (auto elettriche, car sharing, e appunto la preferenza al lavoro ibrido o smart working).

Migrazione al cloud per risparmiare sulle bollette

Infine, 3CX consiglia ad ogni azienda la migrazione al Cloud. Questa tecnologia all’avanguardia è senza dubbio il centralino virtuale in Cloud. Il risparmio energetico in questo caso è garantito dalla totale mancanza di un apparato fisico, quale il centralino telefonico stesso.

Per fare un esempio pratico, un’azienda che non lavora in cloud deve dotarsi di un server locale per installare il software aziendale e gestire l’archivio e i backup dei file. Un server aziendale deve quindi essere attivo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, con un altissimo consumo di energia.

La migrazione delle applicazioni verso il cloud consente infatti di eliminare i server locali aziendali, che producono altissimi consumi per l’azienda. Appoggiandosi alla soluzione cloud si sfruttano server centralizzati e condivisi tra più utenti.

Se si decide di effettuare la migrazione al cloud, i costi di energia sostenuti diventano nulli.

ICT Partner è Gold Partner di 3CX, contattaci se vuoi sapere di cosa stiamo parlando e iniziare a risparmiare sui costi delle bolletta elettrica e anche telefonica.